Emanuela ha 47 anni e una laurea in Lingue. È sempre stata precaria, un passato da giornalista freelance e un presente da traduttrice a chiamata, con qualche contratto a termine nel mezzo. Nel novembre 2016 stava per trasferirsi all’estero, quando il ministero della Giustizia (vent’anni dopo l’ultima volta) mette a concorso 800 posti da assistente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Contro le tante mafie pugliesi servono giudici e più risorse”

prev
Articolo Successivo

“Falcone fu costretto a coinvolgermi nel delitto Mattarella”

next