Sarebbe stata una sollevazione morale in special modo e collettiva, autodeterminarsi, avere in testa una specie di orgoglio folle, una voce fuori campo a incitarci: “seppur tutti, io no”. E questo era nelle intenzioni quando abbiamo pensato alla nascita di un movimento letterario, Gli Imperdonabili, io e un gruppo di scrittori e editori, Giulio Milani, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Chi sono davvero gli italiani

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Franzaroli

next