Un neonato abbracciato a sua madre sul fondale. Tredici donne senza vita. Decine di corpi dispersi. Ancora restano nitide nella memoria le immagini del barchino naufragato la notte tra il 6 e il 7 ottobre a 6 miglia da Lampedusa. A bordo c’erano 50 persone (22 sopravvissute), partite da Libia e Tunisia. La Procura di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Di Maio “pontiere” tra Serraj e Haftar. “In Libia recuperare il tempo perduto”

prev
Articolo Successivo

La Stazione del Tav non era pronta: indagato l’ad di Rfi

next