“Io non sento risentimento ma al contrario molta gratitudine per l’entusiasmo con cui ti eri buttato sul mio libro. So benissimo che se non ce l’hai fatta non è stato per colpa tua e sarei stato felice se la cosa fosse andata in porto”. Risentimenti, gratitudine, libro, colpe e felicità smarrite: qual era quella “cosa” […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il Sultano turco invia i droni di famiglia a difendere Tripoli

prev
Articolo Successivo

Nell’Italietta cattolica di Giolitti anche “L’Asino” vola. E scalcia

next