Braccio di ferro

Ilva, ora Mittal è fuori: si tratta sul risarcimento per lo Stato

L’azienda offre quasi 1 miliardo per “liberarsi”, il governo le chiede il doppio. Il piano con 5 mila esuberi giudicato “inaccettabile”: la fabbrica tornerà ai commissari

Di Francesco Casula e Carlo Di Foggia
8 Dicembre 2019

Il futuro dell’ex Ilva di Taranto sembra già scritto. Nonostante la presunta trattativa in corso, ArcelorMittal non ha intenzione di restare. Due giorni dopo l’incontro che ha fatto infuriare i sindacati, i vertici del gruppo avrebbero consegnato al ministero dello Sviluppo un documento contenente una proposta per lasciare l’Ilva pagando una penale e riconsegnandola entro […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione