Anticipiamo due racconti di Régis Jauffret dalla raccolta “Microfictions”, da poco in libreria con Clichy. Alle sei infilo la chiave nella serratura della porta di casa nostra. Preferiamo occupare un semplice monolocale in centro piuttosto che una villetta con giardinetto in periferia. Ci piace vivere in un quartiere ricco di cinema, ristoranti, locali, tutti quei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Vendevo frutta al mercato, poi è arrivata la danza: nella mia vita ho avuto culo”

prev
Articolo Successivo

La Commedia umana di Régis, ultimo enfant terrible di Francia

next