Julian Assange, fondatore ed editore di WikiLeaks, è attualmente detenuto nel carcere di alta sicurezza di Belmarsh, nel Regno Unito, in attesa di essere estradato e poi processato negli Stati Uniti in base all’Espionage Act. Assange rischia una condanna a 175 anni di prigione per avere contribuito a rendere pubblici documenti militari statunitensi relativi alle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Su Uber 3 mila assalti sessuali, 58 incidenti fatali, 9 omicidi”

prev
Articolo Successivo

Preti e abusi, il racconto. “Vietato scrivere di Zanchetta: così ho rotto l’omertà”

next