“Abbiamo sentito un forte boato e il pavimento che ci sfuggiva da sotto i piedi”. Ha ancora la paura nella voce, Sandro Bracciotti di Balsorano nel raccontarci il sisma, intensità 4.4 che giovedì sera ha fatto tremare la terra al confine fra Abruzzo e Lazio (epicentro fra Balsorano, provincia de L’Aquila e Sora in provincia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Eni e la Virgin Naphta Amara faceva affari con l’Iran fin dal 2015

prev
Articolo Successivo

A Teramo la ricostruzione fa più paura del terremoto

next