La terra in Abruzzo trema ancora. Ma non fa paura. Un po’ perché gli abruzzesi il terremoto ce l’hanno nel Dna da sempre: qui ci fu uno dei più gravi terremoti italiani, quello di Avezzano, che uccise l’80% dei residenti nel borgo marsicano; un po’ perché, dopo L’Aquila e Amatrice, hanno capito che quello che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Dall’Irpinia a oggi, l’Italia non ha imparato nulla”

prev
Articolo Successivo

“Er gnappa” e i suoi fratelli Roma, anziani di malavita

next