Nella primavera del 1943, in un saggio sul Risorgimento che sarà pubblicato postumo, scriveva come “l’azione concreta del Mazzini fosse fatalmente sottovalutata dai machiavellici suoi concorrenti e avversari, incapaci di persuadersi che nella politica, come in qualsiasi altro aspetto della vita degli uomini, le forze morali hanno un peso che nessuna astuzia o prepotenza potrà […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La comunità Lgbt si mette in “Pose”: è l’ennesimo successo di Murphy

prev
Articolo Successivo

Intrigo capolavoro in Svezia e l’incontro fatale tra due grandi investigatori

next