Finalmente arriva un po’ di freddo in questo autunno caldo, la temperatura giusta per gustarsi in un pigro pomeriggio di festa e di pioggia l’ultimo giallo di Håkan Nesser, maestro scandinavo che ha partorito due grandi detective: il commissario Van Veeteren e l’ispettore italo-svedese Gunnar Barbarotti, protagonisti di due grandi serie di successo. Prima o […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Leone Ginzburg, morto senza l’ultima parola

prev
Articolo Successivo

“Sniff”: a volte la fine dolorosa di un amore può essere soltanto una questione di naso

next