“Ha diretto ventitré film in cui è anche protagonista, un numero mai raggiunto da alcun attore-regista, a eccezione di Woody Allen. Inoltre, è uno dei registi in attività più prolifici”. Minimo comune denominatore? Fedele a me stesso, titolo italiano per la collettanea di Clint Eastwood: Interviews, seconda edizione riveduta e ampliata. Nell’arco di quarant’anni (1971-2011), […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Floris, un romanzo filosofico tra giornalismo e verità

prev
Articolo Successivo

“Il grande sonno” senza fine (e deluxe)

next