Ieri a Francoforte è stata festa grande per l’addio di Mario Draghi alla Bce. Colui che è stato chiamato il “salvatore dell’euro” ha ricevuto il plauso anche dei “falchi” tedeschi, sostenitori del rigore più assoluto. E qui c’è un primo paradosso: la “vittoria” di Draghi, infatti, ha esaltato al massimo livello un intervento “pubblico” di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Brexit, BoJo battuto anche sul voto del 12 dicembre

prev
Articolo Successivo

Droga, legalizzare è solo pericoloso

next