La conferma è arrivata ieri mattina con un tweet del presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk: l’Unione europea concede al Regno Unito la proroga di tre mesi, fino al 31 gennaio 2020, voluta dalla maggioranza del Parlamento britannico. Ecco le condizioni, che nel fine settimana hanno convinto anche il riluttante presidente francese Emmanuel Macron: 1) […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Noi siamo il popolo”: da inno comunista a urlo arrabbiato dei nazionalisti violenti

prev
Articolo Successivo

“ha vinto Draghi”, però i sovranisti son più forti

next