In origine era Twitter: i suoi 140 caratteri sembravano destinati ad attrarre utenti e investimenti pubblicitari. Fondato nel 2006, lo strumento di microblogging ha prima inventato l’hashtag (#) e ha poi presto abbandonato le masse per diventare luogo di nicchia di utenti adulti e interessati all’attualità (con un calo di utili che due giorni fa […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

TikTok, come funziona l’app cinese per esprimere la creatività. E perché preoccupa i concorrenti

prev
Articolo Successivo

Matera: soldi, nomine e show. Sotto la cultura volano sassi

next