A gennaio del 2017 il genovese Mariano Massone avrebbe chiesto l’intervento di Tiziano Renzi per l’azienda italiana Fulmine Group. Lo rivela La Verità, che ha pubblicato alcune mail e sms scambiate tra Massone e Renzi sr. Massone è finito in un’indagine della Procura di Genova sulla bancarotta della Chil Post: inizialmente era indagato anche Tiziano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Malofeev: “Sì, Savoini trattava petrolio”. Moncalvo: “Salvini truccava note spese”

prev
Articolo Successivo

La “Signora dei Droni” da Torino a Chigi: molti spot e poco futuro

next