Arriva dal fondo della stazione Leopolda, Matteo Renzi, percorre tutta la strada che lo porta sul palco, stringendo mani e prestandosi ai selfie. Intorno a lui è un tripudio di smartphone che lo riprendono sulle note di Natural degli Imagin Dragons. Sceglie l’ingresso da rockstar, l’ex premier. Non lo aveva mai fatto nelle precedenti nove […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

La guerra di Di Maio: “Dove va Conte senza i nostri voti?”

next