La Storia gli ha morso più volte i polpacci. Come il 2 agosto 1980, il giorno della strage di Bologna. Caro Guccini, la sera prima avrebbe dovuto cantare a Imola. Ma una raucedine lo indusse ad annullare il concerto. Rientrò in anticipo a Pavana. Altrimenti sarebbe passato per la stazione di Bologna. Sì, ma nel […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Alessandra e la mia vita da survivor – Il suicidio è sempre un gesto volontario?

prev
Articolo Successivo

Premio Tenco, se le suonano tra i “puristi” e i “pragmatici”

next