La premessa è un monito a chi vuole strumentalizzare l’impegno ambientalista del leader dei Litfiba: da Peste nel 1988 passando per Woda Woda (1990), Stesso futuro (2002), Tribù (2006) e Intossicato (2016) sono tante le canzoni con una sensibilità manifestata durante tutta la carriera dell’artista fiorentino. Non sorprende, quindi, l’uscita di un nuovo brano a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Pecore allupate e cani tossici: le operette immorali di Cornia

prev
Articolo Successivo

Bonaccorti, il “return” pare “C’è posta per te” ma low cost

next