Ancora prima che lo facessero senatore, alle feste dei Cinque Stelle, Gianluigi Paragone faceva l’anchor man. Quest’anno, invece, non solo non sarà sul palco: non si vedrà nemmeno giù. Niente trasferta a Napoli, fa sapere, lui che al secondo governo Conte nemmeno ha votato la fiducia: “Cosa vado a dire, che sono contrario su tutto? […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

I maestri del diritto e le basi scientifiche che non esistono

prev
Articolo Successivo

Zingaretti “offre” a Di Maio il candidato in Calabria

next