Roma capitale di trame sul Russiagate che da tre anni imperversa nella politica americana, Donald Trump che annoda complotti internazionali per rivendicare le stimmate di vittima e strappare il secondo mandato, il governo italiano che offre la collaborazione dell’intelligence a William Barr, ministro della Giustizia, cioè procuratore generale degli Stati Uniti. Il premier Giuseppe Conte […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

L’incontro Lotti-Savasta e gli altri guai giudiziari per la casata di Rignano

prev
Articolo Successivo

Oggi l’Europa decide sui boss e la Cassazione su Brusca

next