Sembrano dissiparsi anche gli ultimi dubbi: a spingere Mickaël Harpon a commettere una strage giovedì, nella sede della prefettura di polizia di Parigi, non è stato solo un raptus di follia ma la sua recente radicalizzazione. Ieri, l’inchiesta, finora affidata alla polizia criminale, è stata trasferita all’antiterrorismo sulla base delle testimonianze raccolte, tra cui quelle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il baratto ucraino della pazza Casa Bianca di Trump

prev
Articolo Successivo

La sottomissione maschile dentro la fiera della sposa

next