“Fammi il favore: indaga su Joe Biden e suo figlio”: la frase detta dal presidente Usa Donald Trump al presidente ucraino Volodymyr Zelensky, nella galeotta conversazione telefonica del 25 luglio, non fu buttata lì per caso né fu detta inavvertitamente: c’era dietro tutto un lavoro di preparazione, e di pressione, che Kurt Volker, l’ex inviato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Iraq, terra senza pace. “Vi racconto la lotta per la sopravvivenza”

prev
Articolo Successivo

La svolta jihadista dell’impiegato modello

next