“Gianni ha inventato la figura del dj radiofonico, io e lui siamo stati i primi disc jockey della radiofonia: sceglievamo i dischi e indirizzavamo i gusti del pubblico. Poi a Natale facevamo la gara dei panettoni”. La gara dei panettoni? “Le pressioni dei discografici per promuovere i propri artisti si trasformavano in omaggi dolciari. Allora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Donald come Salvini, autodistruzione show innescata dal potere che lo ha inebriato

prev
Articolo Successivo

“Il traditore” è un buon film, ma il gioco di potere era altro

next