Testimonianza

“Il traditore” è un buon film, ma il gioco di potere era altro

Pino Arlacchi sulla pellicola che l’Italia ha candidato agli Oscar: “Mancano ‘inganno’ e ‘morte’ dentro i quali si muovevano le vite dei protagonisti”

Di Pino Arlacchi
26 Settembre 2019

Ho conosciuto e frequentato per quasi 15 anni Tommaso Buscetta e la sua famiglia. Ho pubblicato nel 1994 il racconto in prima persona della sua vita, e ho visto il film che Marco Bellocchio gli ha dedicato con un titolo un po’ curioso, Il traditore (ora candidato per l’Italia a entrare nella nomination degli Oscar): […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.