La mancata manutenzione della barriera dai tirafondi marci, che per incuria e corrosione non resse all’impatto del pulmino dai freni guasti e fu la concausa dei 40 morti del viadotto di Acqualonga lungo la Napoli-Canosa nel luglio 2013, è il frutto di “una chiara e inequivoca scelta operativa con una contestuale assunzione di responsabilità” dell’allora […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il cinismo dei padroni per salvare la baracca e fingersi “sotto choc”

prev
Articolo Successivo

Il M5S si astiene su Lagarde Il giorno di Macron a Roma

next