Giovanni Malagò, presidente del Coni e protagonista di una singolare istigazione al Comitato Olimpico Internazionale perché sanzioni una legge dello Stato italiano – al punto di mettere in discussione la partecipazione italiana alle Olimpiadi di Tokyo e l’assegnazione dei Giochi invernali del 2026 a Milano e Cortina –, non è nuovo a imprese muscolari a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Facebook chiude CasaPound&C. È giusto?

prev
Articolo Successivo

Caro Salvini, a cosa servivano i “pieni poteri”?

next