Rassegniamoci. Per ora non sappiamo perché Salvini, con un groppo in gola e invocando il nome dei figli, la sera dell’8 agosto, a Sabaudia, ha sbaraccato la giostra più bella del mondo. A ogni giro, impunemente, poteva dare uno schiaffo e lanciare un’accusa, subito divulgata, a un suo nemico. Non aveva mai avuto e non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Mail box

prev
Articolo Successivo

La porta per la salvezza è stretta perché riservata ai poveri e agli ultimi

next