“Delle Piane era brutto, anzi, il più brutto: come Dalla”. Per Pupi Avati ha già parlato il suo cinema, che da Una gita scolastica a Regalo di Natale ha fatto di un caratterista di alterno successo un protagonista da premiare, sicché il cordoglio per la perdita di un sodale può conservare le asperità della verità: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Carlo, attore malinconico e “incapace di vincere”

prev
Articolo Successivo

La cattiveria 2508

next