La bandiera è una, ma tanti giocatori non fanno necessariamente una squadra. Perché lo schema di gioco, come gli obiettivi, non sono sempre gli stessi. Anche nel Movimento dove Luigi Di Maio, capo politico affaticato, ha invocato unità e provato a ricucire con le varie anime sparse del M5S, creando una cabina di regia che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vita agra della base dem: “Il boccone M5S va ingoiato”

prev
Articolo Successivo

“Nei 5Stelle attratti da Salvini c’è la sindrome di Stoccolma”

next