Come, eufemizzando, non è stato forse detto abbastanza, la Germania non è la locomotiva d’Europa. Potrebbe esserlo, certo, ma preferisce viaggiare a motori spenti come ultimo vagone del treno mondiale: ora che il convoglio s’è fermato, rischia seriamente di staccarsi e cominciare a viaggiare all’indietro. Fuor di metafora, l’economia tedesca – e non certo da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

All’assalto della corazzata. È sempre corsa alla Juve

prev
Articolo Successivo

cattiveria

next