I lavoratori del Porto Canale di Cagliari dal primo settembre potrebbero trovarsi senza lavoro. La procedura di licenziamento annunciata dalla società concessionaria dello scalo sardo, che intende cessare l’attività entro il 31 agosto, è una minaccia sempre più concreta per i 210 dipendenti, dato che al momento non c’è nessun riscontro da parte dell’azienda alle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)