Da 74 giorni non si hanno più notizie di Ibrahim Ezz el-Din, 26 anni, ingegnere e urbanista egiziano, prelevato in strada alla periferia sudorientale del Cairo dalle forze di sicurezza. Da cinque anni, Ezz el-Din lavora per la Commissione egiziana per i Diritti e le Libertà (Ecrf), la stessa organizzazione che segue il caso Regeni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’università “bandita” sussurrava al ministero

prev
Articolo Successivo

L’Amazzonia brucia, le Ong per Bolsonaro sono colpevoli

next