“Seduto”. Si siede. Click. Bocconcino succulento. “Terra”. Si mette giù. Click. Bocconcino. Non lo fa? Lo si ignora. Fa qualcosa di sbagliato? Lo si ignora. Torniamo a casa e troviamo la casa messa a soqquadro? Lo si ignora. Si comporta bene con un suo simile? Click. Bocconcino. E poi a lungo andare solo il click […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Uno straniero di nome Fante

prev
Articolo Successivo

“Sono felice, l’Inghilterra entra in Europa”

next