Quei cinque corpi nelle bare sono “orgoglio del Paese e del settore atomico”. Lo ha detto al funerale degli scienziati morti nell’incidente – ancora misterioso, ma già allarmante, avvenuto l’8 agosto nella regione di Archangelsk – il capo dell’agenzia federale nucleare russa, Aleksey Likhachev. “Il nostro tributo a loro sarà continuare a lavorare su nuovi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Brunel, “l’ami” di Epstein “Gli procacciava 12enni”

prev
Articolo Successivo

Notre-Dame: al via i lavori di bonifica dal piombo

next