Le primarie che si sono svolte domenica in Argentina hanno decretato il trionfo del kirchnerismo guidato da Alberto Fernández con il 47,36% dei voti, dato superiore, quindi, anche alle previsioni che davano una parità tra il Frente de Todos (nuovo nome del gruppo kirchnerista) e Juntos por el cambio (movimento dell’attuale governo) che ha preso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il vaso di Pandora di Epstein tra trame, segreti e sospetti

prev
Articolo Successivo

Rachid e i suoi fratelli: gli undici dell’indipendenza algerina

next