La capacità mediatica è simile, la passione rossonera è identica, il successo politico (ancora) no. Ma Matteo Salvini studia sempre più da Silvio Berlusconi, l’alleato ferito che ora è pronto a riabbracciare Matteo in vista di elezioni anticipate. La tentazione del vicepremier è durata qualche giorno: candidarsi da solo e tentare il cappotto nei collegi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

E i “tecnici” si scaldano all’addio a Saccomanni

prev
Articolo Successivo

Matteo, il mojito e la supervisione del re del Papeete

next