Letali e susseguenti detonazioni alle nove del mattino di ieri. Un improvviso picco dei livelli radioattivi dopo l’esplosione registrata nella regione di Archangelsk. E poi due morti. Sono le prime notizie che arrivano in fila a Mosca dal siderale e lontanissimo Artico russo e nucleare. Sono informazioni che giungono da nord, dalla città culla dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Salute mentale, l’inferno accanto

prev
Articolo Successivo

Stato di allerta per l’uccisione di un soldato israeliano

next