“Excusatio non petita, accusatio manifesta”: Marco Bussetti, ministro dell’Istruzione, uomo di scuola se non proprio di lettere (da insegnante di educazione fisica il suo forte è sempre stato lo sport), conoscerà bene il significato della proverbiale locuzioni latine. “Scusa non richiesta, accusa manifesta”. Come descrivere altrimenti lo strano decreto pubblicato dal Miur a metà luglio, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Chi prendere al posto di Gozi?

prev
Articolo Successivo

L’accordo sulla Asti-Cuneo regala ai Gavio 1,2 miliardi

next