Il sospetto c’era ed effettivamente fonti qualificate ci confermano che Luigi Di Maio non è Humphrey Bogart e non solo perché il secondo, com’è noto, aveva un cocktail di vantaggio sul mondo. Non essendo “Bogie”, non si capisce allora perché il ministro dello Sviluppo insista ormai da quasi un anno – fissato nel vuoto lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

La carica dei 101 colpi di coltello: tutte le stragi della Manson Family

prev
Articolo Successivo

La Cattiveria

next