L’ultima protesta dei lavoratori dell’ex Isab potrebbe essere stata quella del 7 maggio scorso. Siamo a Priolo, in provincia di Siracusa, davanti all’ingresso della Lukoil, la più grande compagnia petrolifera russa. Da mesi, davanti i cancelli dell’impianto siciliano la tensione è salita alle stelle per quella che, almeno in prima battuta, sembrava l’ennesima storia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

“Siri lo incontrai nel 2017 da Arata”. Parola di Nicastri

prev
Articolo Successivo

La riunione “carbonara” dei centristi Pd pronti a uscire

next