Le radio italiane suonano i tamburi di guerra. Sotterrate le asce del conflitto per la supremazia nazionale, si concentrano ora su nemici ben più insidiosi: gli “aggregatori” di contenuti audio come la californiana Tune-In o la corazzata svedese dello streaming, Spofity. Data epocale, quella di ieri, per il comparto radiofonico della Penisola: a tre giorni […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

La missione di Salvatore: tenere aperto il carcere

prev
Articolo Successivo

Apollinaire con la ragazza del treno: amore al capolinea

next