Per la prima volta due paesi si sono uniti per imporre delle nuove regole all’industria del cacao. Con l’avvicinarsi delle elezioni, i due presidenti cercano di attirarsi i favori dei produttori e riempire le casse dello Stato. La cosa solleva numerose questioni, ma sembra soddisfare le Ong di difesa dei piccoli produttori. Abidjan (Costa d’Avorio). […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La giustizia riparativa e il perdono: Agnese Moro, Faranda e il vescovo

prev
Articolo Successivo

La Cavallerizza a Torino: un “pezzo di città” ai privati?

next