Ritorna ad Agrigento sicura di sé Carola Rackete, la comandante della Sea Watch che davanti al procuratore Salvatore Vella e ai sostituti Alessandra Russo e Cecilia Baravelli, ha risposto alle domande per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e disobbedienza a nave da guerra. La comandante protagonista dell’approdo a Lampedusa nonostante l’alt della Guardia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Dividevamo la stessa ragazza (senza saperlo)”

prev
Articolo Successivo

“Cin cin” al cemento: hotel al posto di stalle

next