Acque agitate

Carola: “Lascio Sea Watch e spero nella nuova Europa”

L’interrogatorio - Quattro ore davanti ai pm per la capitana, mentre a Roma s’inasprisce il decreto Sicurezza: arresto obbligatorio in casi simili a Rackete

Di Alan David Scifo
19 Luglio 2019

Ritorna ad Agrigento sicura di sé Carola Rackete, la comandante della Sea Watch che davanti al procuratore Salvatore Vella e ai sostituti Alessandra Russo e Cecilia Baravelli, ha risposto alle domande per il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e disobbedienza a nave da guerra. La comandante protagonista dell’approdo a Lampedusa nonostante l’alt della Guardia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.