Veneto da bere

“Cin cin” al cemento: hotel al posto di stalle

Patrimonio Unesco - Nella patria del prosecco vecchi ruderi saranno trasformati in deroga ai vincoli

19 Luglio 2019

Appena dieci giorni. Neanche il tempo di deporre i calici di prosecco usati per il brindisi o aspettare la vendemmia nelle colline da Valdobbiadene a Conegliano, che l’Unesco ha riconosciuto il 7 luglio come patrimonio paesaggistico dell’umanità. La giunta veneta del leghista Luca Zaia ha sfornato a tempo di record un provvedimento che consentirà – […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 9,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.