Erano stati decimati da Riina che nell’arco di un mese, tra l’aprile e il maggio del 1981, aveva liquidato a colpi di kalashnikov Stefano Bontate e Totuccio Inzerillo, e poi costretti a “scappare” da una spaventosa caccia all’uomo organizzata dai corleonesi. Ma oggi boss e picciotti delle famiglie mafiose considerate una volta “perdenti”, Gambino e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Borsellino, rogatoria svizzera per l’ultimo che lo intervistò

prev
Articolo Successivo

Il pm (minacciato) su Carola: “Non è sbarcata per dovere”

next