Ognuno ha la sua Combray. Quella di Silvia Sereni si chiama Bocca di Magra; un posto di vacanza tra Toscana e Liguria, tra fiume e mare, dove oltre a papà Vittorio avevano casa Elio Vittorini e Giulio Einaudi, con ospiti abituali, tra gli altri, Franco Fortini, Carlo Bo, Lalla Romano… In Un mondo migliore (Bompiani), […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Tremate, le streghe stanno tornando

prev
Articolo Successivo

next