Dalle prime ore del mattino di ieri centinaia di giovani, dopo l’appello sui social del papà di Diana – la bimba di 6 anni affetta da una rara sindrome immunodepressiva – si sono messi in fila davanti ai gazebo dall’Admo, l’Associazione donatori di midollo osseo, per il prelievo del tampone salivare utile alla ricerca di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Indagato il presidente di Exit per il suicidio di Alessandra, depressa e malata di nevralgia

prev
Articolo Successivo

“Sono stato con la Turner e ho salvato Mal dai Servizi. Nella vita ci vuole culo…”

next