Non di soli reati vivono le preoccupazioni dei nuovi gestori dell’ex Ilva di Taranto. ArcelorMittal, va detto, continua a dire che il vero problema è la cosiddetta “esimente penale”: preferisce farsela cancellare dalla Consulta a ottobre più che dal governo a settembre; se non verrà accontentata – dice – chiuderà Taranto. In realtà, come ben […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Ilva, la minaccia di Mittal: “Senza scudo chiudiamo”

prev
Articolo Successivo

“Dal governo sì al Tav”. La realtà dietro le bufale dei giornali

next