“Non prende posizione”, “non osa”, “non buca lo schermo”, “non decide”. I commenti che si fanno sul segretario del Pd, Nicola Zingaretti, sia tra gli amici che tra i nemici, sono tutti preceduti dal “non”. C’è poi chi si spinge a dire che “ha già sbagliato tutto” e che “è già finito”. Vero o falso […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il Capo d’Italia col Daspo al decoro

prev
Articolo Successivo

Lo strano senso dei renziani per i 5Stelle

next